Please note: In order to use this website, you must have cookies enabled. By pushing the button "Place Cookie" a cookie is placed and you can continue using this website.


Place Cookie

Galleria Borghese - Biglietti

Galleria Borghese - Biglietti
Il Museo ospitato nella splendida cornice di Villa Borghese a Roma conserva sculture, bassorilievi e mosaici antichi, nonché dipinti e sculture dal XV al XVIII secolo. La raccolta, costituita inizialmente dal cardinale Scipione Borghese all'inizio del XVII secolo, conserva capolavori di Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Raffaello, Tiziano, Correggio, Caravaggio e splendide sculture di Gian Lorenzo Bernini e del Canova.

Il nucleo più importante delle sculture e delle pitture nella Galleria Borghese risale al collezionismo del cardinale Scipione (1579-1633), figlio di Ortensia Borghese, sorella del Papa Paolo V, e di Francesco Caffarelli, ma gli eventi dei tre secoli successivi, tra perdite e acquisti, hanno lasciato notevoli tracce.

L'attenzione del cardinale Scipione era rivolta a tutte le espressioni di arte antica, rinascimentale e contemporanea, atte a rievocare una nuova età dell'oro. Non particolarmente interessato all'arte medioevale, ricercò invece, con passione, la scultura antica. Ma l'ambizione del cardinale favorì la creazione di nuove sculture e soprattutto di gruppi marmorei che fossero messi a confronto con le opere antiche.

Il ritratto di Paolina Bonaparte Borghese, eseguito dal Canova tra il 1805 e il 1808, è presente nella Villa dal 1838. Nel 1807 Camillo Borghese vende a Napoleone 154 statue, 160 busti, 170 bassorilievi, 30 colonne e vari vasi che costituiscono il fondo Borghese del Louvre. Ma già nel terzo decennio dell'Ottocento le gravi lacune sembrano colmate con nuovi materiali provenienti da recenti scavi archeologici e con opere recuperate dalle cantine e da varie altre dimore borghesiane.

La collezione dei dipinti del cardinal nepote era notevole, e già nel 1613 poeticamente descritta da Scipione Francucci. Nel 1607 il Papa aveva fatto assegnare a Scipione 107 dipinti confiscati al pittore Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d'Arpino. Dell'anno successivo fu l'asportazione clandestina dalla cappella Baglioni nella chiesa di S.Francesco a Perugia e il trasporto a Roma della Deposizione di Raffaello, assegnata al cardinale Scipione con motu proprio papale.

Nel 1682 confluisce parte dell'eredità di Olimpia Aldobrandini, che includeva opere della collezione del cardinale Salviati e di Lucrezia d'Este, nella collezione Borghese.

Nel 1827 Camillo Borghese acquistò a Parigi l'importante Danae del Correggio.

LINK ESTERNI
Sito Ufficiale Galleria e Museo Borghese




Info utili
Per informazioni dettagliate inerenti alla visita del Museo e Galleria Borghese clicca qui

I biglietti gratuiti per i possessori della Roma Pass e per le guide turistiche sono prenotabili attraverso il Centro Prenotazioni (Tel: +39 06 32810 - lun-ven 9.00 - 18.00; sab 9.00 - 13.00; dom chiuso; 24 e 31 dicembre 9.00 - 13.00)

Per informazioni e prenotazioni gruppi organizzati e scuole contattare:
TOSC
Mail: info@tosc.it
Tel: 06 32810




AVVISO
Galleria Borghese sarà eccezionalmente aperta il giorno lunedi 8 dicembre 2014 ed osserverà il giorno di riposo settimanale martedì 9 dicembre 2014.

Importante
Ogni prima domenica del mese l'ingresso è gratuito. Obbligatoria la prenotazione telefonica al numero 06 32810



Elenco date